Amministrazione trasparente

Macfrut 2015

Fruit & Veg Professional Show – Rimini – Expo Centre 23-25 settembre 2015

Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano-17/6/15

  • Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano

    Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano

  • Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

    Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

  • Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

    Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

  • Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

    Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

  • Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

    Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

  • Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

    Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

  • Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

    Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

  • Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

    Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

  • Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

    Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

  • Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

    Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

  • Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

    Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

  • Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

    Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

  • Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

    Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

  • Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

    Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

  • Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

    Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

  • Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

    Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

  • Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

    Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

  • Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

    Città degli orti-Bologna Green Un nuovo verde urbano.

CAAB sostiene l’evento Mens-a 2015 – Stili Conviviali, Bologna

 Mens-a 2015 è un evento nazionale sull’ospitalità e l’arte del gusto, un evento di alta cultura nel rapporto uomo – cibo.

È promosso dal Comune e Università di Bologna, dal Comune di Ferrara, dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e dall’Expo Regione Emilia-Romagna.

Mens-a è il prodotto di una sinergia pensosa e di competenze diversesaperi filosofici, antropologici, storici, semiotici, psicanalitici, del food design, del food artist, di economia ecologica. 

L’evento prevede conferenze, incontri, commensalità in vari siti storici e culturali. TUTTO GRATUITO.

Alcuni nomi presenti a Mens-a: Massimo Montanari, Andrea Segrè, Massimo Marassi, Andrea Maioli, Gianfranco Marrone, Dario Mangano, Andrea Grignaffini, Emilio Pasquini, Dacia Maraini, Giorgio Simonelli, Gene Gnocchi, Ivano Marescotti.

Poiché Mens-a è un prodotto turistico con particolare attenzione alla sinergia di saperi che approfondiscono il legame cibo-cultura-etica, Bologna e Ferrara apriranno per l’occasione siti storici e culturali inediti e potrebbe essere un’occasione di turismo intelligente. 

Clicca qui per scaricare la locandina ed il depliant

 locandina Mens-a 2015

depliant Mens-a 2015

Vegetabilia 2015, Bologna capitale del cibo sostenibile

Nell’anno di Expo l’educazione alimentare rilancia da Bologna con un progetto per centinaia di studenti alla scoperta di frutta e verdura. Percorsi di giochi gustosi e intelligenti, per saperne di più sulla salute, sulle proprietà nutrizionali del cibo, sulla sicurezza alimentare e sulle biodiversità.

 

BOLOGNA – Il 77% degli italiani – 3 cittadini su 4 – chiede che l’educazione alimentare possa diventare materia scolastica, associata ad un’ampia campagna di informazione sui temi del cibo (fonte: Osservatorio Waste Watcher – Lmm/Swg). In tempi pionieristici, a partire dall’anno 2000, l’Azienda Usl di Bologna e CAAB – Centro Agroalimentare hanno avviato un progetto incentrato proprio sulla necessità di promuovere una alimentazione a basso impatto ambientale, più sicura e sana, e al tempo stesso prevenire, in particolare nei giovani, sovrappeso, obesità e patologie cardio-circolatorie. «Dopo dodici edizioni di “Un giro al mercato”, dal 2013 diventato “Vegetabilia” – spiega il Direttore Generale di CAAB Alessandro Bonfiglioli – prosegue per il 16° anno consecutivo l’impegno di CAAB in collaborazione con Azienda USL Bologna per l’educazione alimentare dei bambini e ragazzi: un progetto che ha coinvolto fino ad oggi oltre 10mila studenti degli istituti Secondari di primo grado della provincia di Bologna». «Fare educazione alimentare, e auspicabilmente introdurla a breve nelle scuole come materia d’insegnamento, significa anche spiegare ai giovani le caratteristiche delmodello alimentare “mediterraneo”, ricco di frutta, verdura, legumi e carboidrati complessi – sottolinea il Presidente CAAB Andrea Segrè –   Secondo una recente ricerca dell’Università di Bologna una settimana al fast food costa oltre 130 euro, mentre la Dieta mediterranea sana ed equilibrata costa solo 1/3, poco più di 50 € a settimana. Un esempio concreto di come si possa davvero mangiare bene e stare in salute, spendere il giusto e praticare uno stile di vita corretto dal punto di vista nutrizionale e anche relazionale». Come ricorda il Direttore Qualità e Marketing del CAAB Duccio Caccioni, «attraverso la collaborazione con la Azienda Usldi Bologna siamo stati una iniziativa pilota in Italia per quanto riguarda l’educazione alimentare e adesso proseguiamo cercando nuovi modelli di divulgazione per i ragazzi. L’ educazione alimentare è però necessaria anche agli adulti e alle famiglie per mettere in moto comportamenti virtuosi. Non bisogna scordare che, per esempio, il consumo di frutta e verdura negli ultimi anni in Italia è sceso sotto i 400 grammi/de raccomandati dalla Organizzazione Mondiale Sanità: è allora necessario cercare in tutte le maniere di tornare ad alimentarsi correttamente».

Incontri, laboratori e percorsi ludico-sensoriali attivati nella sede del CAAB hanno l’obiettivo di sensibilizzare i giovani sulle proprietà nutrizionali dell’ortofrutta, così come sui temi della sicurezza alimentare e delle biodiversità. Educazione alimentare, dunque, in rapporto non solo alla salute dell’individuo ma anche a quella dell’ambiente: sulla scia del modello alimentare auspicato dalla FAO (Sustainable diets and biodiversity, 2010), Vegetabilia 2015, che si è aperta il 16 marzo e giunge a conclusione nella giornata di oggi, martedì 31 marzo,promuove “diete a basso impatto ambientale che contribuiscono alla sicurezza alimentare e nutrizionale, alla protezione e al rispetto della biodiversità e degli ecosistemi, che sono culturalmente accettabili, economicamente eque e accessibili e ottimizzano le risorse naturali e umane. L’edizione 2015 si è articolata attraverso le visite guidate all’interno del Centro Agro Alimentare di Bologna, con esperti agronomi che hanno accompagnato i ragazzi alla scoperta dei prodotti ortofrutticoli: varietà, provenienza, stagionalità, produzione integrata e biologica, ma anche commercializzazione, conservazione, controlli di qualità, organismi geneticamente modificati. Secondo step del progetto sono state le lezioni condotta dai biologi quotidianamente impegnati nei controlli sanitari sui prodotti. E per rafforzare il messaggio in modo stimolante ed innovativo i ragazzi sono stati coinvolti in un gioco a squadre attraverso piccoli quiz, con premi salutari e gustosi: cesti di prodotti da consumare come merenda nei giorni successivi.

Vegetabilia 2015 è organizzata dall’Azienda USL di Bologna con CAAB (Centro Agroalimentare di Bologna) in collaborazione con FEDAGROMERCATI ACMO Bologna (Associazione dei Commercianti del Mercato Ortofrutticolo), di CONAPI (Consorzio Nazionale Apicoltori) e LaRAS (Laboratorio di Ricerca e Analisi Sementi) dell’Università di Bologna – Dipartimento di Scienze Agrarie.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CAAB [email protected]

  • Vegetabilia 2015- Foto di gruppo

    Vegetabilia 2015- Foto di gruppo

  • Vegetabilia 2015

    Vegetabilia 2015

  • Vegetabilia 2015

    Vegetabilia 2015

Dopo Expo, toccherà a F.I.CO Al CAAB prende forma l’idea di un parco tematico sul settore agroalimentare italiano – RAI EXPO 2015

Clicca qui per vedere la docu-intervista a Duccio Caccioni (Direttore Qualità CAAB Scpa) e Marcello Rimei (Responsabile allestimento FICO)

 

Rivoluzione al CAAB, il Centro Agroalimentare di Bologna. La struttura, che ospita tra le altre cose il mercato ortofrutticolo, diventerà presto sede di F.I.CO, un parco tematico nato dall’idea del presidente dello stesso CAAB, Andrea Segrè, e del fondatore di Eataly, Oscar Farinetti.

F.I.CO, acronimo di Fabbrica italiana contadina, ha l’ambizione di «diventare il più grande centro al mondo per la celebrazione della bellezza dell’agroalimentare italiano» e sarà inaugurato dopo che Expo avrà chiuso i battenti.

 

Un’ultima curiosità: al CAAB – sorto per dare continuità alla tradizione commerciale bolognese, ma all’insegna dell’innovazione – c’è il più grande impianto fotovoltaico su tetto d’Europa, che copre una superficie pari a 14 campi da calcio.

Giovanni De Faveri

 

 

23 marzo 2015